Whisky e spezie

Abbinare il whisky al cibo è una faccenda complessa e molti sono scettici in proposito

Nei Paesi grandi produttori di whisky, come Irlanda e Scozia, non vi è la tradizione di abbinare il whisky con il cibo.
In india, dove la cultura coloniale ancora imperversa, gli indiani- che sono fini conoscitori di whisky, oltre che i primi consumatori al mondo- ritengono che esso, con il suo aroma complesso e talvolta speziato, sia un ottima bevanda da accompagnare al cibo indiano solitamente piccante e speziato.
Anche i giapponesi usano bere il whisky in tavola, diluito con soda e/o ghiaccio fino a 1/3 della sua forza. In questo modo diventa più palatabile anche se perde un po’ della sua complessità e aroma.
Avendo l’accortezza di scegliere dei whisky con alcuni gradi di dolcezza, senza sentori legnosi e un tenore tanninico molto basso (che è quello che crea problemi di abbinamento con il piccante e lo speziato), l’abbinamento con il cibo indiano è ottimo.

Le molecole contenute nelle spezie sono solubili in alcool e così il whisky ne accentua l’aroma, rendendo il palato più sensibile e aperto a nuovi flavour. Il bello dei whisky è che sono così diversi tra loro, con i loro aromi che variano dalla vaniglia alle spezie varie, dal miele alla frutta, dal legno alla torba, che sperimentare diventa un bel gioco.
Quando si inizia ad abbinare un whisky a un cibo la prima cosa da ricordare è che la corposità o la forza di un whisky non devono mai sovrastare l’ingrediente più forte del piatto. Occorre cioè trovare un bilanciamento tra gli aromi.

Alcuni esempi

La cucina tandoori- che usa cuocere il cibo nel forno a carbonella, trasmettendogli un leggero sentore di affumicato come per esempio il pollo tandoori– è particolarmente adatta all’abbinamento con whisky ricchi di note di torba e di affumicatura, come quelli dell’isola scozzese Islay, per esempio il Lagavulin e l’Ardbeg.

Jalapeno e peperoni e il piccante in generale stanno bene con un Lahproaig, corposo e torboso.

Con un pesce speziato con masala scegliete un whisky che abbia note marine e profumate.

Con piatti a base di cumino scegliete un whisky con un aroma sottile e bilanciato.

Con carne al curry scegliete un malto come l’Amrut.

Con pollo alla griglia con pepe e paprika affumicata si sposa Elijah Craig 18-Year o un Old Single Barrel Bourbon. Entrambi hanno aromi di affumicato e di quercia.

Con un formaggio forte come roquefort o gorgonzola andranno a meraviglia dei whisky corposi, speziati quasi medicinali con note finali di vaniglia come il Lagavulin o il Laphroaig.

Con biscotti allo zenzero o dessert alla vaniglia, a base di frutta o un pumpkin pie scegliete un whisky delle Highland altrettanto fruttato, vanigliato e mielato.

Con dessert al cioccolato e zenzero o cioccolato e cannella ci starà bene un whisky invecchiato 18 anni Macallan Sherry Oak, ricco a sua volta di aromi di frutta, spezie e cioccolato.

Con dolci al cioccolato all’arancio e zenzero l’accoppiamneto sarà perfetto con Benromach 10 anni che ha note di limone.

Un Woodford Reserve bourbon aromatizzato alla cannella e noci sarà perfetto per un buffet di mezzanotte con del prosciutto americano.

Qualsiasi whisky renderà grandiosa una bistecca pepata e grigliata!

La birra nei dolci alle spezie
Rose e spezie

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!