Elogio della curcuma

Michael Caine, l’attore americano oggi ottuagenario, è da sempe un sostenitore della curcuma

Michael Caine, l’attore americano oggi ottuagenario, è da sempe un sostenitore delle spezie e in particolare della curcuma alla quale, egli dice, deve la sua buona salute. Sposato da  quaranta anni con una donna indiana, ha avuto modo di conoscere approfonditamente la cultura indiana e la medicina naturale.
Egli attribuisce la sua buona salute e la sua memoria in particolare alla curcuma, che egli ha assunto sia nei cibi sia come supplemento in capsule per trenta anni.

In nmerose interviste egli ha fatto notare come in India non sia diffuso l’Alzheimer e ritiene che il merito sia  proprio della curcuma. Parecchi medici e ricercatori sembrano condividere questa opinione.

Diversi studi epidemiologici hanno evidenziato come davvero nella popolazione anziana indiana- nella cui dieta la curcuma ha giocato un ruolo molto importante e quotidiano-  le malattie  neurologiche, e in particolare l’ Alzheimer, hanno una bassa incidenza.
La curcumina, il principio attivo della spezia, sembra proprio avere un’azione protettiva nei confronti delle malattie neurodegenerative. I meccanismi molecolari con i quali agisce sono numerosi e in gran parte ancora sconosciuti, ma alcuni studi preliminari hanno dimostrato che essa attiva la produzione di bilirubina, una sostante antiossidante, che protegge il cervello dagli attacchi dei radicali liberi. Altri studi hanno evidenziato che blocca la distruzione della mielina, la sostanza che avvolge e protegge i nostri nervi. Michael Caine sembra avere ragione.

Il lato oscuro delle spezie

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!