L’importanza dei monsoni

Il vero argomento dell’estate in tutto il mondo è stato il clima!

I cambiamenti del clima non affliggono solo l’Italia o l’Europa. In India quest’anno la stagione dei monsoni ha provocato moltissimi danni in  alcuni dei suoi stati come l’Uttar Pradesh, il Bengala occidentale, l’Assam e il Gujarat dove le piogge sono state devastanti e hanno provocato circa 600 morti. Ma lo Stato che più ha sofferto è il Kerala dove pesanti alluvioni hanno ucciso 360 persone e provocato 1 milione di sfollati.

I monsoni sono  venti periodici delle regioni tropicali e subtropicali, in particolare dell’Asia Orientale e Sud Orientale, dovuti principalmente alle differenze di temperatura tra oceani e continenti. I monsoni d’inverno soffiano dal continente verso l’oceano e portano un clima asciutto, da giugno a settembre, spirano dall’oceano verso il continente, sono carichi di umidità e portano piogge imponenti.
Il regime monsonico scandisce i ritmi di vita di tutta la regione asiatica e dalla sua regolarità dipende la sopravvivenza di milioni di persone. L’arrivo ciclico delle grandi piogge monsoniche è visto come un dono del cielo sia per l’agricoltura sia per le scorte d’acqua (il 75% delle piogge dell’intero anno cade durante i monsoni).

Ebbene, in Kerala quest’estate i monsoni hanno portato il 260% in più di acqua del solito recando oltre che morte e distruzione danni  permanenti all’agricoltura.  In particolare ne hanno risentito le coltivazioni di spezie, danneggiate dal clima dapprima secco che ha ridotto i raccolti di quelle che stavano maturando e poi dalle piogge alluvionali che hanno  impedito o rimandato la semina delle piante per la prossima stagione, compromettendola. In particolare ha ostacolato la fioritura e l’impollinazione del pepe, e la fioritura del cardamomo che avvengono proprio nei mesi dei monsoni estivi.

Nello stato indiano del Gujarat cumino e coriandolo  sono stati piantati in ritardo. La semina del peperoncino -che avviene solitamente in agosto, in tutta l’India- è stata rimandata proprio in attesa di monsoni regolari. La stessa cosa è successa nel Tamil Nadu, nell’Andhra Pradesh e nel Maharashtra per la curcuma, che è stata piantata con un mese di ritardo. In questo modo sono andati persi in quasi tutti gli Stati indiani ettari di piantagioni  e la prossima stagione i raccolti saranno scarsi. Anche la produzione del cardamomo ne ha sofferto. I cambiamenti climatici dell’ultimo mese si aggiungono a quelli dello scorso inverno, quando per esempio nel Tamil Nadu, piogge abbondanti e del tutto fuori stagione fecero fiorire con molto anticipo le piante di chiodi di garofano, diminuendo di un terzo la produzione. In questi ultimi giorni sono tornate le piogge e i contadini sperano di poter seminare entro settembre anche il cumino e il fienogreco.

La prima conseguenza di tutti questi fatti è l’aumento dei prezzi alle Borse internazionali delle spezie: Al  Navi Mumbai, il mercato internazionale delle spezie hanno constatao che le spezie in arrivo dal Kerala sono aumentate di circa il 25%. La noce moscata è passata da 600 rupie al kg a 800; i chiodi garofano da 1800 a 2100; il cardamomo verde, che in India è prodotto solo in questa regione è salito da 1200 a 1500. E poichè ci sono 2 raccolti all’anno uno in luglio e l’altro in dicembre ci si aspetta che i prezzi continueranno ad aumentare per l’esiguità di questa seconda produzione. Per lo zenzero che viene importato anche dalla Cina e dalla Nigeria e che verrà raccolto in gennaio ci si aspetta un aumento da 150 rupie a circa 250 poichè è di qualità assolutamente superiore algli altri. Anche il prezzo del pepe nero è aumentato di quasi il 50% al chilo.

Miscele in giro per il mondo
Rifiorisce il chiodo di garofano

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!