Pappagalli drogati dai semi di papavero

In India i semi di papavero contaminati dagli oppiodi hanno reso questi uccelli dipendenti

Nel Madhja Pradesh, uno stato dell’India Centrale, i pappagalli terrorizzano gli agricoltori volando in maniera scoordinata e violenta sui campi di papavero per andare a beccare le capsule delle piante.

Secondo il prof. Chundawat, un esperto in oppiacei del College of Horticulture, (Mandsaur): “…i pappagalli rompono le capsule verdi del papavero e, oltre che cibarsi dei semi, succhiano il lattice che trasuda (e che contiene le sostanze oppiacee) e diventano dipendenti da esse”.

Una capsula di papavero fornisce circa 20-25 mg di oppio e i pappagalli scendono a beccare  anche 30-40 volte al giorno e spesso portano via nel becco una capsula piena di semi  come si può vedere in questo video.

Essi sono diventati molto astuti e, quando planano a centinaia sui campi, lo fanno nel più completo silenzio. Solo dopo avere rotto le capsule con il becco e divorato i semi iniziano a cinguettare  e volano via in gruppi. Ma il loro volo è assolutamente fuori controllo e spesso vanno a sbattere contro gli alberi, per terra o contro i contadini stessi.

Gli agricoltori ormai presidiano i campi notte e giorno e utilizzano altoparlanti e petardi per spaventare gli animali. Ma senza successo.

I pappagalli hanno sviluppato una vera dipendenza e, con la loro ingordigia, stanno decimando i raccolti.

I contadini dicono che, per colpa di questi uccelli, perdono fino al 20% del raccolto, già scarso per la variabilità delle piogge talvolta mancanti e talvolta violente.

Benché il Papaverum sonniferum sia coltivato per l’estrazione dell’oppio vengono utilizzati anche i semi per l’alimentazione. Essi sono  usati in numerosi Paesi europei per la preparazione di prodotti da forno, di dolci e dipiatti salati. E bisogna fare attenzione a non mangiarne troppi poichè possono essere contaminati dagli oppiacei se non sono trattati correttamente.

Un'alluvione devastante nel Kerala
La pianta della senape contribuisce a propagare gli incendi

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!