Attenzione ai semi di papavero

Mangiati in quantità eccessiva possono essere pericolosi perchè,  se non trattati, contengono oppioidi

I semi di papavero sono molto salutari ma attenzione a non abusarne. Addirittura averne ingeriti troppi potrebbe alterare un test anti-droga simulando la presenza di oppiodi!

Vi sono diverse varietà di papaveri dai quali estrarre i semi: il P. Nigrum, il P. Satigerum e il P. Sonniferum, quello da cui si estrae l’oppio. Quando il fiore perde i petali rimane una capsula oblunga. Gli agricoltori, prima che essa sia matura, la incidono superficialmente per non intaccare le camere che contengono centinaia di semi. Il lattice inizia a trasudare, viene raccolto ed essiccato e diventa oppio.

I  semi in natura non contengono oppiacei, ma ci può essere  una contaminazione con i frammenti della capsula e la linfa lattea contenenti alcaloidi. La presenza di oppiacei varia in base al tipo di semi, al tempo di raccolta e all’origine geografica. Però negli ultimi anni si è notato un aumento dei livelli di alcaloidi e sembra che ciò sia dovuto alle tecniche di raccolta meccanica, introdotte recentemente, in cui le capsule sono schiacciate.

I semi di papavero, ricavati dalle piante della specie Papaver somniferum L., a causa del loro alto contenuto in grassi e proteine, vengono spesso usati nella produzione alimentare. In particolare nei prodotti da forno o da pasticceria e in oli commestibili. Soprattutto nelle cucine dei Paesi del centro Europa.

L’EFSA, l’autorita della Commissione europea per la sicurezza del cibo, ha iniziato già da anni a verificare i possibili rischi per la salute umana relativi al consumo di alimenti contenenti semi di papavero contaminati.

I risultati delle analisi

Le analisi condotte con tecniche di cromatografia liquida associate a spettrometria di massa, mostrano la presenza di alcaloidi dell’oppio come morfina, codeina, tebaina, papaverina e noscapina nei campioni di alimenti contenenti semi di papavero.

I  semi contaminati possono contenere circa 0,5-10 microgrammi di morfina per grammo. Una quantità che per un adulto che ne fa un uso limitato non è problematica. Una dose di morfina prescritta dal medico può variare da 5.000 a 30.000 microgrammi.

Ma per le donne in gravidanza e per i bambini piccoli, il consumo di semi di papavero in quantità non trascurabili è sconsigliato, qualora non si sappia con certezza che sono privi di morfina e simili.

Il contenuto di alcaloidi nei semi di papavero può essere ridotto drasticamente, fino al 90%, pretrattando e processando i semi. I metodi più efficaci per abbattere il contenuto di alcaloidi- e quindi ridurre il rischio di ingerire tali sostanze- sono lavare, mettere in ammollo, macinare o trattare termicamente i semi. E i produttori più affidabili attuano questa pratica.

Attenzione dunque ai fornitori che utilizziamo per acquistare le spezie!

Cardamomo contro l'acne
Maschere di bellezza alla liquirizia

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!