Peperoncino, piacere o dolore?

Perchè alcuni percepiscono il piccante come una stimolazione dei sensi e provano piacere, mentre altri ritengono il cibo piccante assai fastidioso?

Quando mettiamo in bocca un cibo piccante quello che percepiamo non è un sapore, è piuttosto una sensazione di forte calore mediata dalle fibre nervose che trasmettono al nostro cervello un vero e proprio messaggio di dolore. Una sensazione simile a quella che si prova mettendo in bocca un boccone che scotta. Ma si tratta di calore e dolore virtuali poiché in bocca non abbiamo niente che scotti. I ricercatori si sono chiesti perchè per alcune persone sia piacevole provare un dolore, anche se lieve, mangiando.

La prima spiegazione, secondo alcuni esperti di comportamento, è che amiamo i peperoncini perchè ci fanno bene: diminuiscono la pressione arteriosa, aumentano la salivazione, cosa positiva se stiamo seguendo una dieta noiosa e facciamo fatica a ingurgitare i cibi. Secondo il dott. Rozin, dell’Università della Pensylvania, i benefici che possiamo ottenere dal peperoncino, e in genere dalle spezie piccanti, sono troppo pochi per avere condizionato il nostro comportamento. Egli afferma che chi ama il sapore piccante è un masochista benigno. Effettuando dei test su persone appassionate del piccante, e domandando quale dose di peperoncino era l’ideale per loro, la risposta generale è stata “la più alta quantità che riesco a sopportare, appena al di sotto di una soglia di dolore insopportabile”.

La capsaicina, la sostanza che produce la sensazione di piccante nel peperoncino- ma anche altre sostanze come la piperina, contenuta nel pepe, che quando è ingerita provoca questa sensazione di dolore e piacere- scatena indirettamente nel nostro cervello il rilascio di una gran quantità di endorfine, ormoni endogeni dotati di proprietà analgesiche simili a quelle della morfina e dell’oppio… ma molto più potenti. Come la morfina, le endorfine rilasciate in circolo provocano un leggero stato di euforia, seguito in qualche caso da sonnolenza. La quantità di endorfine rilasciata è direttamente proporzionale al grado di “dolore” trasmesso dalle fibre nervose e questo è direttamente proporzionale alla quantità di peperoncino che si mette in bocca. E forse ciò può spiegare perchè alcune persone sviluppano una specie di “dipendenza” dai cibi molto piccanti. D’altronde è facile capire perchè questa reazione sia piacevole: una simile produzione di endorfine è rilevabile anche alla fine di un rapporto sessuale. Per apprezzare il piccante occorre molta pratica, le persone che sin da piccole sono state abituate a ingerire peperoncini, sono quelle che più li apprezzano.

Ted Barrus, uno dei re del peperoncino

In America vi sono molte gare a cui partecipano gli amanti del peperoncino. Uno dei più appassionati è Ted Barrus, un trentasettenne, che si definisce Ted the fire breathing idiot, (ci sono molti video su You tube) che è diventato famoso come assaggiatore di peperoncini e , come egli stesso dice, si dedica ormai solo a “quelli ritenuti nucleari come il Trinidad Moruga scorpion, che raggiunge il valore di 12.000 nella scala di Scoville”. Egli afferma che “….dopo avere mangiato 6 peperoncini nucleari (nel video si vede chiaramente che inizia a piangere, gemere e sembra un po’ stordito) nonostante l’incredibile e doloroso bruciore, che persiste per 20 minuti, i 40 minuti successivi mi danno sensazioni così straordinarie, mi sento così euforico da dimenticare il dolore provato”.
Come attutire la piccantezza del peperoncino
La scala di Scoville

« »

  • Spezie o erbe aromatiche?

    Spezie o erbe aromatiche?

    Le spezie sono piante per lo più di origine tropicale o sub tropicale di cui vengono utilizzate solamente alcune parti

  • L’intensità delle spezie

    Aroma, gusto, sapore e intensità sono molto diversi in ogni singola spezia

  • Tipologia

    Le tipologie di spezie

    Le spezie possono essere utilizzate sotto forme molto diverse: intere, tritate, macinate, oli essenziali

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!