Ajowan

Nome botanico: Carum copticum o Trachyspermum copticum

Famiglia: Apiaceae

Caratteristiche della pianta. Appartiene alla stessa famiglia del cumino, del carvi e dell’aneto. E’ un arbusto annuale, di circa 30-70 cm d’altezza, con dei fiori giallognoli a ombrello e frutti dai quali si ricava la spezia.

Origine: Mediterraneo Orientale, forse nativa dell’Egitto.

Paesi produttori. Le coltivazioni più importanti oggi sono in Persia e in India, ma viene coltivato anche in Iran, Pakistan e Afghanistan.

Paesi utilizzatori: India e Asia centrale, Iran, Pakistan.

Parti utilizzate: frutti essiccati, chiamati semi, simili al cumino dei prati.

Stagionalità: maggio-giugno

Componenti. I semi contengono fino al 5% di timolo, un olio essenziale; sono presenti anche altre sostanze aromatiche come limonene, pinene.

Tipologie in vendita: frutti (non semi) interi o in polvere.

Aspetto. Semi di forma allungata grigio giallini con profonde nervature molto simili a quelli del radhuni (più rotondi e con meno nervature) e a quelli del sedano anch’essi allungati, con nervature e del medesimo colore, ma più piccoli.

Odore. Di timo con note muschiate, calde, amare e un sentore di anice e cumino. I semi freschi emanano un odore erbaceo.

Sapore. Pungente pepato e leggermente amaro. Quando vengono masticati lasciano per un attimo la lingua leggermente insensibile. Hanno un retrogusto piacevole e lievemente dolce.

Scala di intensità: 5

Suggerimenti per l’acquisto. Acquistarne poco per volta, poiché se non consevato bene, perde facilmente il suo aroma. I semi devono avere un colore uniforme marrone chiaro.

Consigli per l’uso. Quando usate i semi per pane o focacce rompeteli sempre per aumentare il flavour: possono essere macinati o pestati in un mortaio, ma anche più semplicemente frantumati con le dita. Per offrire il meglio del loro aroma, tostateli leggermente a fiamma bassa. Fate attenzione alla quantità che usate perchè è una spezia il cui aroma particolarmente incisivo tende a sovrastare tutti i sapori: un cucchiaino è più che sufficiente per 5-6 porzioni.

Conservazione. In un ambiente fresco, buio e in assenza di umidità, si conservano a lungo senza perdere troppo il loro aroma.ajwainplant

Uso culinario. Quasi sconosciuta in Occidente, questa spezia è molto adatta ai prodotti lievitati come pane e focacce; è usata in qualche zona dell’Asia Centrale e del nord dell’India, soprattutto nel Punjab e nel Gujarat ed è apprezzata in particolare dagli amanti della cucina vegetariana. Talvolta viene aggiunta, nel Nepal, al Panch phoron, una miscela di spezie. L’aroma viene enfatizzato tostando i semi o friggendoli nell’olio e si abbina bene con patate, lenticchie, fagioli (è molto utilizzato poiché oltre a insaporirli, riduce gli effetti flatulenti da questi causati.). In India, le lenticchie vengono cotte prima con la curcuma, poi sono aromatizzate con sale e tadka: una salsa ottenuta friggendo cumino, chili, ajowan, talvolta aglio e assafetida nell’olio o nel burro. In Etiopia l’ajowan è un componente del berberè, miscela di spezie. Un discreto sostituto di questa spezia può essere l’origano. Si abbina molto bene al cumino.

Proprietà benefiche. L’ajowan è molto usato nella medicina ayurvedica, che lo trova utile in circa 40 condizioni patologiche diverse per le sue proprietà germicide, antispasmodiche e fungicide. In India, viene consigliato ai turisti per contrastare eventuali infezioni derivanti da acqua del rubinetto. Masticare un cucchiaio di semi e lavare la bocca con acqua bollente, sembra sia un’efficace prevenzione.  In Somalia e in Etiopia questa spezia è usata come vermifugo. Mentre a Giava viene usata per indurre le mestruazioni dopo il parto. L’olio essenziale ottenuto dall’ajowan è utile per lenire i dolori reumatici. I semi bolliti in acqua (acqua di omam) sono utilizzati contro il mal di stomaco.

Avvertenze. Non deve essere utilizzato da chi soffre di malattie del fegato e da chi soffre di iperacidità.

Altri usi. In Occidente il timolo è usato in alcuni colluttori contro la tosse e il mal di gola e nella composizione di certi dentifrici.
In India viene usata una pasta ottenuta dall’ajowan per calmare le punture degli insetti.
Rafano

»

  • Anardana

    Anardana

    Nome botanico: Punica granatum

  • Mahaleb

    Mahaleb

    Nome botanico: Prunus mahaleb

  • Pepe rosa

    Pepe rosa

    Nome botanico: Schinus molle e Schinus terebinthifolius

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!