La cucina indiana – introduzione

La cucina indiana rispecchia il paese: un continente di ricette

L’India è la parte più estesa del sub continente asiatico e ha una superficie che è 10 volte l’Italia. Vi si parlano circa 1560 idiomi, ha un clima che varia da zona a zona, ha territori montuosi, molte regioni costiere e un vasto altipiano. Ha circa un miliardo di abitanti e vanta tradizioni culturali antichissime.
Il dominio musulmano prima, l’invasione dei mongoli poi e infine la colonizzazione britannica, durata quasi due secoli, hanno contribuito a creare ma anche a differenziare la cucina indiana.

Così come è stata condizionata dalle varie religioni: gli hindu non mangiano bovini, i musulmani non mangiano maiale, i buddisti e i jainisti sono vegetariani. Oggi essa riflette questa grande variabilità ed è una perfetta mescolanza di culture e tradizioni.
E’ diversa da qualsiasi altra cucina non solo per il gusto, ma spesso anche per i metodi di cottura e di preparazione dei piatti. In tutta l’India un fattore comune sono le spezie, usate abbondantemente nei piatti, ma anche come rimedi benefici. India

I principi dell’Ayurveda hanno dettato per secoli il dosaggio e la tipologia delle spezie affermando che un’alimentazione fortemente speziata è una garanzia di buona salute. L’uso delle spezie è legato spesso all’origine, alla religione e alla casta di chi cucina. Le più utilizzate sono: i peperoncini, i semi di senape nera, il cumino, la curcuma, il fieno greco, l’assafetida, (conosciuta anche come “radice del diavolo”), lo zenzero, il coriandolo e il cardamomo.

Anche i mix di spezie sono usatissimi. Chiamati masala, ne esistono moltissimi, poiché la composizione varia da regione a regione e ogni cuoco ha la sua ricetta, e può contenere fino a 50 spezie diverse.

Ovunque si beve tè, spesso arricchito da spezie come cannella, cardamomo, anice stellato, chiodi di garofano. Il tè già filtrato viene bollito per 5 minuti con le spezie e spesso servito con latte. Il tè è una bevanda molto popolare in India, e si prepara diversamente a seconda della regione e le varianti con le spezie sono innumerevoli, anche perché gli stessi ingredienti aromatici, se utilizzati con tè di diversa provenienza, danno origine a bevande molto differenti.

Alla fine del pranzo è usanza masticare dei semi di cumino e di cardamomo che favoriscono la digestione e rinfrescano l’alito. Nei ristoranti più popolari a volte il conto è servito in un piatto con un fondo di questi semi a volte mescolati a piccoli confettini di zucchero colorato.

La cucina indiana - il nord
La cucina tunisina

« »

  • Le bevande del Ramadan

    Le bevande del Ramadan

    Molto zuccherate,  ricche di succhi di frutta, ma dissetanti sono importanti per aiutare durante il digiuno

  • I cibi del Ramadan

    Durante il Ramadan i musulmani possono mangiare e bere solo prima dell’alba e dopo il tramonto

  • Pasqua

    Pasqua a tavola nel mondo

    Durante la Quaresima e nel giorno di Pasqua, ogni Paese ha le proprie tradizioni e i propi cibi.

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!