Impacchi con lo zenzero

Contro i dolori un impacco caldo con radice di zenzero fresco è molto efficace

Lo zenzero è una spezia preziosa con numerose proprietà curative. In una classifica di 1000 prodotti alimentari è situato al terzo posto per il suo contenuto di antiossidanti, con più di 40 molecole attive. E’ anche un ottimo anticinetico (anti nausea e mal d’auto), ma qui vogliamo enfatizzare le sue proprietà antinfiammatorie riconosciute da millenni: da sempre è usato in India nella medicina Ayurvedica. In Thailandia, lo zenzero trova applicazione nel Muay Thai (un’antica disciplina sportiva simile alla boxe): la radice, pestata e mescolata con altre erbe, viene applicata in caso di traumi, strappi, stiramenti, ematomi e contusioni.  Impacchi con radice fresca di zenzero sono molto utili contro i dolori in generale.

Come fare

  • Fate bollire 1 litro d’acqua in una grande pentola che mantenga il calore, l’ideale è che sia di ghisa o di rame
  • Mentre bolle, grattuggiate lo zenzero con una grattugia con fori grossi. Il movimento per grattuggiare deve essere rotatorio. Non avanti e indietro. In questo modo non si intasa la grattugia e non si spreca prodotto. Ne servono circa 150 grammi.
  • Mettete lo zenzero grattuggiato in un sacchetto di tela o semplicemente in uno strofinaccio e chiudete con uno spago senza schiacciarlo.
  •  Quando l’acqua bolle, abbassate la fiamma al minimo perchè continui a restare calda, strizzate bene il vostro sacchetto sopra la pentola per far scendere il succo e poi immergetevi il sacchetto che non deve essere troppo stretto per lasciare che l’acqua circoli bene all’interno, senza far disperdere lo zenzero. E’ un metodo più pratico, più igienico e più salutare che buttare lo zenzero direttamente nell’acqua. Se i pezzetti venissero direttamente a contatto con la pelle potrebbero causare irritazioni. L’acqua non deve assolutamente bollire, ma restare molto calda poichè alla temperatura di ebollizione lo zenzero perde le sue proprietà.
  • A questo punto l’acqua dovrebbe essere diventata gialla e  si dovrebbe sentire ovunque il forte odore dello zenzero. Spegnete e togliete dal fuoco, strizzate il sacchetto con una pinza o con una forchetta perchè rilasci tutto il suo succo.
  • Lasciate raffreddare abbastanza da poter maneggiare l’acqua senza scottarvi, ma facendo in modo che resti il più calda possibile. Immergetevi un piccolo asciugamano e poi strizzatelo sopra la pentola per recuperare il liquido in eccesso e stendetelo sulla parte che è dolorante. E’ meglio non farsi gli impacchi da soli ma farseli da qualcuno per potersi stendere e restare rilassati.
  • L’impacco deve essere il più caldo che si riesce a sopportare. Ma fate attenzione a non scottarvi e a non scottare chi deve fare l’impacco. Non copritelo con altri asciugamani o con plastica, per mantenere più a lungo il calore, ma semplicemente rinnovate l’impacco appena si raffredda. Non tenete compresso l’impacco con le mani e non fate massaggi. Dovrebbe restare caldo circa 5 minuti, a seconda della sua temperatura di partenza (non tutti sopportiamo nello stesso modo il calore). Continuate a fare impacchi per 20-30 minuti  finchè la pelle sarà di un colore rosso vivo.
  • L’acqua allo zenzero mantiene la sua potenza massima per circa tre ore, poi si scarica e se necessitate di fare impacchi per più giorni dovrete rinnovare lo zenzero ogni giorno. Ma non buttate l’acqua. Potrà essere usata per un pediluvio caldo rilassante prima di andare a dormire o il mattino dopo per strofinarsi vigorosamente il corpo con un’azione stimolante.

Gli impacchi di zenzero agiscono sulla circolazione del sangue e smuovono i fluidi corporei nelle aree stagnanti. La stagnazione si manifesta sotto forma di dolore, infiammazione, rigidità e gonfiore, disturbi che vengono attenuati dagli impacchi.

Nota. Se avanzate della radice di zenzero, avvolgetela  bene in un sacchetto di carta e poi in un sacchetto di plastica e mettete in frigorifero. Secondo alcuni si conserva molto bene anche in un barattolo pieno di sabbia.
Contro i raffreddamenti
Il peperoncino mantiene giovani

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!