Pepe di Voatsiperifery

Nome botanico: Piper borbonense

Famiglia: Piperaceae

Vero pepe. Appartenendo alle Piperaceae, è un vero pepe. Il nome deriva da voa che significa frutta e tsiperifery che significa pianta.

Caratteristiche della pianta. E’ una liana rampicante, parassita spontanea che colonizza alberi ad alto fusto e che fruttifica solo nella parte giovane, ovvero la parte terminale ad altezze di circa 10-20 metri. Proprio per questo è di difficile raccolta. I frutti vengono raccolti a mano dalle donne dei villaggi vicini alle foreste dove le piante crescono allo stato selvatico.

Origine. Madagascar sud occidentale.

Paesi produttori. Madagascar. Una volta molto raro, la sua produzione è aumentata, circa 1500 chili l’anno, ma per la difficoltà di raccoglierlo, spesso vengono tagliate le liane e c’è il rischio di estinzione della pianta. Oggigiorno si trova anche alle isole di Reunion e di Mauritius con il nome Pepe liana.

Paesi utilizzatori. Molto raro e costoso, è usato in Europa per l’alta cucina. Come per il pepe rosa, sono solo pochi anni che si è iniziato a usarlo in cucina.

Parti utilizzate: i frutti, detti bacche.

Stagionalità: da agosto a dicembre.

Componenti. Le bacche contengono circa il 90% d’acqua.

Tipologie in vendita. Bacche essiccate.

Aspetto. Le bacche assomigliano a quelle del cubebe: sono piccole, leggermente ovali circa 5-6 mm; con attaccato il caratteristico picciolo e di color marrone scuro.

Odore. Boscoso, di frutta e di fiori, piccante, molto fresco.

Sapore. Leggermente dolce, aromatico, pungente con note fruttate persistenti, in particolare di limone. Non troppo piccante né troppo aromatico.

Scala di intensità: 3.

Impieghi. Molto adatto al pesce e ai crostacei.  Si sposa con la carne rossa, il maiale e l’agnello, con l’anatra e il foie gras. Adatto anche ai piatti agrodolci (con miele). Delizioso anche con insalate e frutti rossi (come lamponi, fragole, cramberry) e dessert al cioccolato fondente.votsi

Consigli per l’uso. I grani piccoli di questo pepe consentono di usarlo intero o macinato, ma aggiungetelo all’ultimo momento altrimenti diventa amaro e perde la fragranza.

Proprietà benefiche. Utilizzato nella medicina tradizionale malgascia contro le malattie del fegato.

Curiosità. Sul Giornale dell’esorcista, scritto da Padre Franck Dijoux nel 1951, si leggeva:
Per il fegato una fetta di papaia e un po’ di pepe del Madagascar una volta al giorno; tutto ciò che è buono per il fegato, è buono per il fegato…”

Rafano

« »

  • Anardana

    Anardana

    Nome botanico: Punica granatum

  • Mahaleb

    Mahaleb

    Nome botanico: Prunus mahaleb

  • Pepe rosa

    Pepe rosa

    Nome botanico: Schinus molle e Schinus terebinthifolius

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!