La cucina indiana – il centro

Difficile da definire ha risentito dell’influenza degli Stati vicini

Particolarmente raffinata ed elegante, usa metodi di cottura molto lunghi. Le pietanze, spesso a base di carne, vengono cotte con panna e frutta secca, molto diffuse sono poi le verdure; in questa zona la cucina più ricercata dell’India è quella dello stato di Maharashtra, la cui capitale è Bombay, che prevede l’uso di innumerevoli ingredienti.

Sono famosi gli achar (sottaceti piccanti) e i chutneys, salse che accompagnano ogni tipo di cibo, dal riso al pane e alla carne, con lo scopo di creare una contrapposizione di gusti piuttosto particolare.

Esistono diversi tipi di chutney: alcuni sono freschi, acidi e profumati alla menta o al coriandolo, altri sono vere e proprie conserve agrodolci e piccanti. Frutta e verdura sono generalmente speziate, cotte con aceto e zucchero, lasciate maturare per alcuni giorni in modo da accentuarne l’aroma. Celebri anche i kachumbars, insalate preparate con non più di due o tre tipi di verdure, nelle quali si trova quasi sempre cipolla cruda, condite molto semplicemente, profumate con coriandolo o menta tritati.
La cucina indiana - il sud
La cucina indiana - il nord

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!