Costantinopoli: sulla via delle spezie

Istanbul, città simbolo della Turchia e del commercio tra Oriente e Occidente, è oggi un miscuglio di razze e culture

Arrivando a Piazza Taksim, nella città nuova, e procedendo per Tarlabasi Blv, si ha ben poco l’idea della gloriosa antica Costantinopoli. Un susseguirsi di negozi occidentali alla moda riempono il viale di giovani ormai emancipati e svincolati dalle vecchie tradizioni. E’ necessario recarsi nella città vecchia, superando il ponte Galata, per scoprire i vecchi splendori di una città che ormai è in costante contraddizione tra passato, presente e futuro.

È proprio dal ponte Galata che si scorge la Moschea Nuova che a dispetto del nome non è nuova per nulla e vale senz’altro una visita. Dall’angolo sud-ovest della moschea si apre il grandioso Bazar delle Spezie, uno dei luoghi più caratteristici e indimenticabili di Istanbul. Detto anche Bazar Egiziano, è uno dei più antichi bazar coperti della città. Fu costruito nel 1660 dall’architetto Kazim Aga per ordine del sultano Turhan a Fatih, e annesso al külliye della Moschea Yeni, nel quartiere di Eminonu. L’edificio è composto da 88 locali a volta ed è famoso per i negozi e i banchi ricolmi di prodotti tradizionali di spezie, erbe rare, profumi, prodotti di erboristeria, frutta secca, medicinali naturali, semi, strane radici, prodotti alimentari di ogni genere, piccole torrefazioni, banchi di carne e pesce freschissimo, formaggi e chincaglieria come ciotole di terracotta o tessuti. E’ il luogo ideale per comprare il famoso sapone di alloro esfoliante, quello che si usa tradizionalmente negli hammam, ma anche dolci, come il “viagra turco”, una sorta di fico secco ripieno di noci che pare sia in grado di dare una carica energetica molto benefica per il corpo!

Le spezie ovviamente la fanno da padrona e i banchi che le vendono si susseguono tra profumi e colori in grado di ammaliare anche il più scettico dei turisti e i non appassionati di cucina. Strani grappoli di radici secche a penzoloni, centinaia di tipi diversi di zafferano, thé e chay di tutte le qualità, il tutto presentato magnificamente. Attenzione ovviamente alla qualità: si sa che le spezie non amano né la luce né l’aria, per cui meglio diffidare dei sacchettini già pronti sotto forma di souvenir e dello zafferano a poco prezzo.  Ricordiamo infatti che lo zafferano, per essere di qualità, deve presentarsi in pistilli di colore bruno e non arancione e deve costare indicativamente 8 euro al grammo. Per scoprire la qualità dello zafferano, basterà immergere un pistillo in un bicchiere d’acqua: se quest’ultima si colorerà di un arancione intenso allora significa che si tratta di un ottimo zafferano, se invece l’acqua rimarrà solamente gialla, allora si tratta di altri pistilli, sempre della famiglia dei crocus, ma non di prima scelta.

Il negozio migliore dove acquistare spezie di qualità all’interno del mercato è l’Ucuzcular Spices Shop, aperto dal 1886 e gestito oggi dall’affascinante nipote che per migliorare le potenzialità commerciali del suo esercizio ha studiato marketing e comunicazione in America. Qui non solo potrete acquistare le spezie che desiderate, ma la giovane Bilge vi farà degustare ogni singola spezia che desidererete assaggiare prima di acquistarla. Verrete forniti di bastoncini di legno e potrete “pizzicare” le spezie per poterle annusare e assaggiare prima della scelta finale. Ovviamente non mancherà un ottimo tè turco offerto sempre da Bilge. Per agevolare la vostra scelta, vi verrà consegnato anche un cartoncino con l’elenco delle spezie dove potrete segnare in matita il vostro gradimento e potrete annotarvi i consigli sugli abbinamenti culinari tra la spezia e il cibo. Troverete non solo spezie singole come curry, cardamomo, paprika, cumino, ecc, ma anche mix di spezie studiati da Bilge, come l’Ottoman Spice, una sorta di mix di peperoncini, paprika piccante e pomodori secchi perfetto per insaporire carni rosse e per preparare la base di carne delle tipiche melanzane ripiene. Troverete anche il Lemon Pepper, un mix di pepi affumicati e aromatizzati al limone, oppure tutto il mix di semi per guarnire il borek. Una vera immersione nel mondo delle spezie accompagnati da persone competenti che sapranno non solo consigliarvi la spezia giusta, ma sapranno anche consigliarvi sugli abbinamenti con il cibo e provvederanno infine a conservarvi le spezie rigorosamente sottovuoto affinché la qualità non venga meno con il trasporto.

L’indirizzo è Misir Carsisi Ici No.51 Eminonu, il bazar è aperto dal lunedì al sabato durante tutto l’anno, ma nei periodi estivi e festivi anche la domenica.
Andiamo al museo del Pan di spezie
Mangiare per strada a Bangkok

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!