Spice Park indiani

L’India è il primo produttore, consumatore ed esportatore di spezie nel mondo. Produce  65 tra spezie ed erbe

L’India detiene il 48% della quota di mercato delle spezie (circa 500.000 tonnellate) e il 43% in valore (circa 1.200 milioni di dollari).
Nel mercato mondiale delle spezie la concorrenza è sempre più agguerrita e, oltre che sui prezzi, si gioca sulla qualità e sulla sicurezza sanitaria dei prodotti. Per penetrare i mercati europei e statunitensi occorre adeguarsi agli standard internazionali sempre più severi.

Per migliorare le proprie produzioni e nel contempo incrementare le quantità, in India alcuni anni fa, sono state create delle zone industriali chiamate “Spice park”. Organizzate a livello regionale consentono di raccogliere in un solo luogo tutti i processi collegati alle spezie: dalla coltivazione alla raccolta, lavorazione, selezione, controllo e analisi chimico-fisica, selezione e polverizzazione, immagazzinaggio e spedizione delle spezie.

L’obiettivo che si è posto il Ministero del commercio indiano è quello di aumentare le coltivazioni di spezie coinvolgendo i piccoli produttori locali che, per le esigue quantità prodotte, non riescono ad essere remunerati correttamente (spesso arrivano a guadagnare solo 1-2 dollari ogni chilo di spezie raccolte). Sono state scelte aree particolari nelle quali già si coltivava una determinata spezia, sono state migliorate o create nuove infrastrutture come strade, ponti, forniture d’acqua e stazioni d’energia che sono indispensabili per agevolare la nascita di questi centri. Sono stati creati capannoni dove è possibile eseguire ogni fase di lavorazione della singola spezia dopo il raccolto fino all’imballaggio e alla spedizione. Ulteriore obiettivo del governo era quello di migliorare il livello di cultura locale organizzando corsi e programmi di training sulle varie fasi di lavorazione fino a quella riguardante la sicurezza dei prodotti e il miglioramento della qualità.

Sono state coinvolte le aziende che lavorano nel settore offrendo condizioni agevolate per installare le loro attrezzature e avviare le lavorazioni. Gli  agricoltori locali sono stati invitati ad avvalersi di tutte queste strutture a prezzi agevolati e sono stati aiutati a interfacciarsi direttamente con i compratori che esporteranno poi i prodotti creando una filiera più corta di quella normalmente utilizzata che di solito prevede le figure dei collettori di spezie, dei grossisti, e dei mediatori che intrattengono i rapporti con le multinazionali.

I primi 9 Spice park

Il progetto prevedeva la costruzione di 10 Spice park e, ad oggi,  9 sono già funzionanti nelle seguenti aree:
– Chhindwara, Madhya Pradesh: aglio e peperoncino
– Puttady, Kerala: pepe e cardamomo
– Guntur, Andhra Pradesh: peperoncino
– Sivaganga, Tamil Nadu: curcuma, peperoncino e coriandolo
– Jodhpur, Rajasthan: cumino, coriandolo
– Mehsana Gujarat: cumino, coriandolo e finocchio
– Kota Rajasthan: coriandolo, cumino
– Guna Madhya Pradesh: coriandolo e fieno greco.
– Rae Bareli, Uttar Pradesh: menta (erba aromatica).
Sparirà il pepe di Voatsiperifery?
Bacche di goji nello Utah

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!