La cucina cretese: le erbe aromatiche

Piccante e scenografica ha come piatto nazionale i curry con il riso bollito

Negli ultimi anni si è sviluppata una pratica comune in molti campi scientifici che mira a trattare diverse malattie con gli antichi metodi di guarigione. I medici hanno infatti osservato che le proprietà benefiche delle piante possono prevenire e curare molte malattie. Non si tratta di una nuova scoperta, ma il significato del loro utilizzo è diventato molto importante nella vita delle persone per ricostruire l’equilibrio del corpo umano senza dover ricorrere a metodi farmaceutici.

L’utilizzo di piante ed erbe medicinali come fonte terapeutica si sviluppò in antichità molto rapidamente, secondo un approccio scientifico completo: già nell’antica Grecia, le stesse piante che venivano usate come cibo venivano utilizzate anche come medicine. Secoli di esperienza hanno dimostrato che piante, radici, foglie e semi hanno migliori proprietà terapeutiche e risultati più efficaci di molti farmaci, senza gli effetti collaterali che un farmaco può scatenare. Infatti, sebbene le erbe abbiano un effetto più lento sul corpo umano, il loro impatto è meno intenso rispetto ai farmaci, ma con risultati permanenti. Aiutano il corpo a guarire se stesso grazie a sostanze come minerali e oligoelementi, che costruiscono e sostengono i nostri corpi. In particolare, le erbe che vengono utilizzate come diuretici, sedativi, tranquillanti e stimolanti compiono effetti positivi.

Molte di queste erbe si trovano a Creta, dove il clima fertile e il terreno ricco hanno fatto sì che si sviluppasse una vegetazione estremamente ricca. La flora cretese è impressionante rispetto a qualsiasi altra parte della Grecia, per la sua ricchezza e varietà a causa della significativa percentuale di piante endemiche presenti: una ricerca condotta a Creta tra il 1548 e il 1972 mostra che la flora comprende 1709 diverse specie di piante.

Erbe cretesiLe qualità terapeutiche delle erbe cretaniche

Malotira. Questa erba viene utilizzata come ingrediente principale di una bevanda aromatica in combinazione con altre erbe naturali. È benefica per le malattie circolatorie, contro i problemi di digestione e risulta molto efficace per i trattamenti contro il raffreddore e la tosse: con il miele è il rimedio perfetto per il mal di gola.

Camomilla. Cresce in tutta Creta, anche in luoghi privi di altre piantagioni. Le principali caratteristiche sono gli effetti anti-infiammatori e anti-allergici. E’ efficace contro l’insonnia e ideale per il relax assoluto, inoltre è ben noto il suo uso antisettico lenitivo. Solitamente viene servita come bevanda calda in combinazione con altre erbe cretesi.

Maggiorana. È un’erba endemica di Creta, utilizzata in farmacia, cucina e profumeria. Ha proprietà simili al timo ed è efficace contro i disturbi del freddo e nervosi. Inoltre ha proprietà antisettiche, antispasmodiche e digestive ed è spesso servita come bevanda calda insieme all’erba Malotira.

Dittamo. Questa erba è forse la più sensuale ma anche la più pericolosa in termini di raccolta in quanto cresce in scogliere rocciose e pendii ripidi. È utilizzato per profumare bevande alcoliche, principalmente vini e liquori. Come erba terapeutica è considerata una delle più importanti in termini di rapida guarigione delle ferite e ideale anche contro il mal di stomaco e mal di gola.

Sage. Conosciuta a livello internazionale come Salvia, è una delle più significative erbe cretesi. Il nome deriva dal termine latino sal-vare e significa “salva”: è infatti considerata molto preziosa per il corpo umano ed è efficace contro il sudore, il mal di gola, il mal di testa, le malattie polmonari, diuretiche ed emostatiche. Solitamente viene combinata in bevande calde con altre erbe, come la camomilla.

Timo. Fiorisce a giugno e luglio e a Creta si presenta nella varietà bianca (solitamente lo troviamo con i fiori blu). Potremmo definire il timo come panacea di tutti i mali: ha proprietà diuretiche, antiparassitarie, antipiretiche e antisettiche, benefiche per il sistema immunitario e per le infezioni respiratorie. Il suo estratto è in grado di prevenire il raffreddore e combattere l’influenza, riduce la febbre, i disturbi intestinali e le infezioni della pelle. Come bevanda viene utilizzata per trattare tosse, bronchite, artrite e reumatismi. Efficace anche contro i problemi dermatologici da acne, dermatiti, eczemi e facilita la digestione dello stomaco.

Menta Piperita. È considerata una delle erbe più importanti: ottima contro l’indigestione, i disturbi nervosi e l’insonnia. Il suo aroma viene solitamente applicato nei gelati, nelle composte e nelle insalate, poiché ha un profumo intenso che conferisce un sapore particolarmente saporito.

Tiglio. È un’erba aromatica e farmaceutica. I fiori hanno propietà diuretiche, anti-espettoranti, anti-traspiranti e aiutano a bruciare i grassi; pertanto sono considerati ideali per lo stomaco o la tosse.

Vimini. È un cespuglio deciduo con foglie aromatiche di colore grigio-verde e fiori colorati che crescono in riva al fiume e nei luoghi di mare durante l’estate e l’inizio dell’autunno. Il vimini non contiene ormoni ed è indicato per il ripristino effettivo dell’equilibrio ormonale e del ciclo mestruale, mentre aumenta la produzione di latte nelle donne che allattano.

Alloro. Le proprietà e l’efficacia dell’alloro non sono ben conosciute nè molto apprezzate. Originariamente si applicava sui capelli per rafforzarli e su altre parti del corpo per curare reumatismi o contusioni muscolari. È adatto per l’indigestione e per il corretto processo dello stomaco.

Labdanum. Fiorisce da marzo a giugno, regalando bellissimi fiori rosa e più raramente bianchi. A Creta, a seconda della zona, viene anche chiamata rosa selvatica o salvia selvatica. Lo stelo e le foglie racchiudono una sostanza di resina balsamica chiamata labdano che ha una forte azione antimicrobica. Il labdano ha anche buoni risultati contro l’insonnia, il mal di denti e il tetano. Una bevanda terapeutica è prodotta dal frutto della pianta e un tè aromatico dalle foglie che sono entrambe efficaci contro la diarrea.

Basilico. Viene applicato nei piatti cretesi e nell’olio d’oliva per il suo ottimo profumo anche in combinazione con altre erbe aromatiche. È efficace per alleviare emicranie, mal di testa intensi, stomatiti e spasmi dell’intestino. Precedentemente era usato anche per un effetto calmante dopo la puntura di uno scorpione, la puntura d’ape o l’irritazione dell’ortica.

Linocera. È un bellissimo fiore etereo dall’aroma sorprendente e unico grazie all’olio essenziale che contiene. I trattamenti comuni utilizzati dai vecchi amanti della natura erano per le infezioni della pelle e l’insonnia.

Lavanda. È facilmente coltivabile e cresce tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate se trova le condizioni appropriate. È ben nota per la sua formulazione rilassante, pertanto è molto utilizzata per calmare il sistema nervoso: aiuta nei casi di emicrania, svenimenti, mal di testa e insolazione; inoltre aiuta a ridurre lo stress e aiuta contro l’insonnia. I suoi fiori sono efficaci contro la tosse, la pertosse asmatica, l’influenza e la laringite. Infine calma anche i problemi della pelle, quali psoriasi e prurito.

Erbe cretesi 3

Zuppe del mondo
La cucina della Tanzania

»

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!