Quante spezie si consumano in Europa

I dati comunicati da Eurostat sul mercato delle spezie in Europa

Secondo Eurostat, il centro di statistica dell’ Europa, nel 2018 sono state importate nell’Unione Europea circa 423.000 tonnellate di spezie da Paesi terzi. Con 126.000 tonnellate, lo zenzero è la spezia maggiormente importata seguita dalla paprica e dal pimento (96.000 tonnellate) e dal pepe (71.000 tonnellate).

Lo zenzero proviene per il  78% dalla Cina, la paprica e il pimento provengono anch’essi per larga parte (68%) dalla Cina. Mentre il primo esportatore di pepe resta il Vietnam con 30.000 tonnellate, seguito dal Brasile con 23.000 tonnellate, le cui esportazioni negli anni sono enormemente cresciute. Le importazioni di curcuma hanno raggiunto le 19.000 tonnellate, provenienti per l’80% dall’India.

La cannella ha raggiunto quota 18.000 tonnellate, la metà delle quali proviene dall’Indonesia; a seguire le 16.000 tonnellate di anice provenienti per un quarto dall’Egitto, che resta il maggior produttore, i semi di coriandolo ( 16.000) tonnellate delle quali 7.000 provengono dalla Russia, e i semi di cumino, 14.000 tonnellate delle quali più di metà sono di produzione indiana.

Negli ultimi sei anni le importazioni di spezie nella UE sono aumentate del 43%. In particolare sono raddoppiate le importazioni di curcuma e zenzero. Lo zafferano è quintuplicato raggiungendo le 518 tonnellate.

Fonte : ec.europa.eu/eurostat

La pianta della senape contribuisce a propagare gli incendi
Ricadute negative della Brexit sul gin

« »

Invia la tua ricetta!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Invia il racconto dei tuoi viaggi speziati!


Ho letto ed accetto le condizioni sul trattamento dei dati come descritto nella Privacy Policy

Iscriviti alla newsletter
e scarica la guida sugli abbinamenti!